Trecase, giostrine per bimbi disabili con i fondi del 5xmille

 villa-comunale-di-via-nuova-trecasePer il terzo anno consecutivo, attraverso i fondi del 5xmille, il Comune di Trecase raccoglierà fondi per le giostrine i accessibili a tutti i bambini all’interno della Villa Comunale di via Monsignor Tortora. La proposta di delibera, appena varata dall’esecutivo, porta la firma della esordiente assessore al Bilancio Giuseppina Ilia Porzio. Ed è stata fortemente voluta dal primo cittadino, Raffaele De Luca, oltre che da tutti i componenti della sua squadra di governo locale. Quest’anno, in occasione della presentazione della dichiarazione dei redditi relativi all’anno di imposta 2017, i contribuenti, oltre alla possibilità di destinare la quota dell’8 per mille dell’Irpef,  già prevista dalla legge 20 maggio 1985, n. 222, potranno scegliere di devolvere una ulteriore quota del 5 per mille di quanto pagato allo Stato, senza ulteriore esborso finanziario a proprio carico. Tra le finalità previste figurano il sostegno del volontariato, delle Onlus,  delle associazioni di promozione locale e delle associazioni e fondazioni riconosciute; il finanziamento della ricerca scientifica e dell’università; – quello della ricerca sanitaria e, ducis in fundo, ma non ultime, le attività sociali svolte dal Comune di residenza.

“Il 5 per mille – spiega nella relazione introduttiva la giovane avvocatessa del Foro di Torre Annunziata –  costituisce una importante opportunità di finanziamento della spesa sociale sostenuta dai comuni che non grava sui contribuenti e che assume un ruolo ancora più centrale alla luce del blocco degli aumenti dei tributi locali per l’anno 2018 (Legge di stabilità 2017)”. “La scelta circa la destinazione del 5 per mille – continua – presuppone, da parte dei cittadini, una valutazione consapevole delle attività realizzate dai potenziali soggetti destinatari delle risorse”. Questo significa che occorre procedere all’attivazione di una specifica campagna di sensibilizzazione come strumento indispensabile per veicolare le informazioni necessarie per permettere ai cittadini di optare per le attività sociali svolte dal Comune.

Ovviamente è stato preferito il settore sociale, come destinazione della quota erariale, in quanto assorbe una parte significativa delle risorse del bilancio comunale, anche per la necessità di sopperire alle limitazioni derivanti dalle restrizioni che vengono disposte dallo Stato e dalle Regioni. I fondi raccolto col 5×1000 saranno, dunque, utilizzati per l’acquisto di giostre per tutti i bambini senza barriere strutturali ed alla cura della villa comunale di via Mons. Tortora.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *