Archivi tag: MASANIELLO

ACCADDE QUESTO MESE: LUGLIO

7 Luglio 1647. Storia
masanielloLa rivolta di Masaniello. A Napoli si scatena la rivoluzione per la gabella del pesce imposta dagli spagnoli. Un pescivendolo di Amalfi, tale Tommaso Aniello detto Masaniello si mise a capo della rivolta che si concluse il 16 luglio con l’uccisione di pescatore amalfitano. Dietro l’occasionale rivolta per la gabella del pesce, si celava invece una violenta ribellione ad un metodo di governo da cui il popolo napoletano si sentiva oppresso ed angheriato. Il vicerè spagnolo il duca Rodrigo d’Arcos riuscì con alcune promesse a placare la rivolta che scoppiò nel mese di settembre in maniera ancora più grave con la cacciata degli spagnoli da Napoli.
VESUVIO14 Luglio 2008. Rifiuti
Viene varata dal Parlamento italiano la legge numero 123, che converte il famigerato decreto recante “Misure straordinarie per fronteggiare l’emergenza del settore dello smaltimento dei rifiuti in Campania”. All’articolo 9 la legge individua in Campania alcuni siti da destinare a discarica. Tra questi, nel comune di Terzigno, in pieno Parco Nazionale del Vesuvio, oltre all’ex cava SARI, già funzionante negli anni settanta e ottanta, viene individuata una nuova discarica presso la Cava Vitello, un vero e proprio attentato nei confronti dell’ambiente, della salute dei cittadini e di quello che viene considerato uno delle trenta meraviglie del mondo: il Vesuvio.
TERME NUNZIANTELuglio 1826. Le Terme
Vengono scoperte casualmente da un barbiere, tale Antonio Romano le Terme Nunziante. Più tardi, nel 1831 una squadra di genieri dell’esercito borbonico, sotto la direzione del generale marchese Vito Nunziante, riporta alla luce il sistema idraulico che alimentava le antiche Terme di Oplontis, segno questo che lo stabilimento termale era già conosciuto ed apprezzato dai romani. L’impianto termale rimase in uso per tutta l’età imperiale poi durante il medioevo cadde in disuso e se ne persero le tracce. Ben nove le sorgenti utilizzate: Nunziante, Oplontina, Filangieri, Santa Lucia, Cestilia, Montella, Natason Duchè, Dati. Di queste solo una è ad oggi funzionante: la sorgente termo-minerale Nunziante.

26 Luglio. Festività
In molte località della provincia di Napoli si festeggia S. Anna, protettrice delle partorienti. In particolare sull’isola d’Ischia in occasione del palio di S. Anna si svolge una pittoresca processione a mare con un corteo di barche di pescatori, illuminate e addobbate. I festeggiamenti si svolgono sotto il castello Aragonese ad Ischia porto, e consistono in una sfilata di barche allegoriche, a cui partecipano tutti e sei i comuni dell’isola. A conclusione lo spettacolare incendio del castello. Altre località dove si festeggia S. Anna come patrona della città sono: Boscotrecase, Lettere, Bacoli.