Boscotrecase, paura in via Carlo Alberto per il crollo di un solaio

boscotrecase piazza municipioAttimi di terrore in una traversa di via Carlo Alberto per il crollo di un solaio all’interno di una palazzina. Per fortuna non ci sono state vittime, ma le due famiglie che hanno vissuto questa incredibile esperienza sono ancora sotto shock. Nell’appartamento al piano inferiore si trovavano due bambini in tenera età. Nessuno di loro ha subito traumi, nonostante il cedimento abbia interessato un angolo della casa in cui solitamente venivano posizionate le culle. Chiamatela pure casualità. Sta di fatto quando i calcinacci sono caduti rovinosamente, nessuno degli occupanti dell’abitazione si trovava in quel punto.

Sul posto i vigili del fuoco di Napoli ed i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Torre Annunziata.  Tra i primi ad intervenire anche il sindaco Pietro Carotenuto, allertato dalle forze dell’ordine. Al giovane esponente politico è toccato il compito, oltre che di rincuorare i concittadini visibilmente spaventati, di effettuare un sopralluogo insieme al capo dell’ufficio tecnico Giorgio Gallo, rintracciato al domicilio, ed ai tecnici dei vigili del fuoco. All’esito della verifica, alla quale ha preso parte anche il maresciallo capo Antonino Tiano, della stazione dell’Arma di Trecase, è stato deciso lo sgombero.

La coppia di anziani che abitava al piano superiore, su interessamento del sindaco, ha trovato ospitalità presso l’Hotel “Imperiale” di Terzigno. L’altra famiglia, invece, si è trasferta nell’appartamento di un congiunto. Il tutto si è svolto sotto una pioggia incessante che ha fatto temere il peggio. Le operazioni di soccorso e messa in sicurezza sono terminate intorno alle quattro di mattina.

Adesso i titolari dell’unità immobiliare dovranno eseguire i lavori necessari a ripristinare lo status quo. Il Comune di Boscotrecase, dal canto suo, continuerà a monitorare la situazione. Carotenuto ha ormai maturato una certa dimestichezza nel gestire le situazioni “di emergenza”. Una esperienza che potrebbe rivelarsi molto utile anche nell’esercizio del suo ruolo di autorità comunale di protezione civile.

 

 

 

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *