Boscotrecase, dalla ex Provincia fondi per la protezione civile

Il primo finanziamento del 2020 per il Comune di Boscotrecase arriva dalla Città Metropolitana di Napoli. Lo annuncia il giovane borgomastro, Pietro Carotenuto, con un post sul profilo istituzionale di Facebook. L’ente locale ha, infatti, partecipato all’avviso pubblico diffuso a suo tempo dall’ex Provincia per aiutare i comuni ad acquistare nuove attrezzature per la protezione civile.

I  tecnici della municipalità, su sollecitazione del primo cittadino – ben consapevole di essere l’autorità comunale in materia di protezione civile – hanno subito elaborato un progetto con la contestuale richiesta di fondi. L’idea ha ottenuto il placet dei vertici di piazza Matteotti, per cui a stretto giro sul conto corrente del Comune di Boscotrecase arriveranno 14.687,58 euro. Una cifra certo non elevatissima ma utile a venire incontro alle necessità più urgenti.

Con i soldi messi a disposizione dalla organizzazione presieduta da Luigi De Magistris saranno acquistati una motopompa da utilizzare in caso di allagamenti, un gruppo elettrogeno e un sistema di radiotrasmittenti per affrontare meglio le eventuali emergenze.

Comprensibile la soddisfazione del giovane esponente politico che, fin dal suo insediamento, ha sempre riservato un’attenzione particolare al settore della protezione civile. Molti lo ricordano ancora con il cappellino ed il fratino della protezione civile in occasione di una delle sue prima apparizioni pubbliche nella veste di sindaco. Già allora era evidente che l’astro nascente della politica boscotrecasese, sbaragliati gli avversari, avrebbe vissuto la sua nuova esperienza in maniera totalizzante, trascorrendo tutto il tempo a disposizione nei corridoi del Palazzo di via Rio ovvero partecipando ad iniziative e manifestazioni patrocinate dal Comune.

Oggi la municipalità vesuviana che ha dato i natali al cardinale Giuseppe Ermenegildo Prisco, può contare su una base volontaria ampia che è ben addestrata ad affrontare le situazioni di pertinenza comunale. Il gruppo è affidato alla coordinatrice Rosaria Vitulano che vanta una lunga e comprovata esperienza nel campo avendo ricoperto lo stesso ruolo anche in passato, sia per organizzazioni pubbliche che private.

Ci sono, dunque, tutte le condizioni affinché il Gruppo di volontari di protezione civile possa esercitare al meglio i compiti istituzionali in omaggio alle norme del codice della protezione civile, vale a dire nel rispetto delle indicazioni fornite dal decreto legislativo numero 1 del 2018.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *