Trecase, vincitori e vinti delle elezioni comunali

Una prima analisi del voto a Trecase.

Innanzitutto non si può evidenziare il successo personale, e perché no politico, del sindaco Raffaele De Luca, confermato con un vero e proprio plebiscito popolare che non lascia adito a dubbi di sorta. Bene ha fatto, con grande spirito di sportività e garbo istituzionale, Gerardo Grieco a riconoscere la portata della sconfitta, già a metà delle operazioni di scrutinio. Un gesto che dimostra il livello di maturità politica raggiuto dal sottufficiale della Polizia di Stato, destinato ad assumere, anche nella consiliatura che sta per iniziare, il ruolo di leader dell’opposizione.

Squadra che vince non si cambia

balzano-maria-rosariaanna fuscoDe Luca ottiene la riconferma piena della sua precedente amministrazione. Tornano a sedere tra i banchi della maggioranza Vincenzo Erbetta per il quale, visto il risultato ottenuto, è scontata l’assegnazione della poltrona di vicesindaco.

matrone-teresaSorprendente il successo ottenuto da Maria Rosaria Balzano, giovane imprenditrice nel settore dell’accoglienza e studentessa universitaria, figlia dell’attuale comandante della polizia municipale, che ha conquistato il seggio a furor di popolo.

Sulla terza pedana dell’immaginario podio della squadra di De Luca si piazza Anna Fusco, presidente uscente del Consiglio comunale.

Anche in questo caso occorre parlare di un risultato importante: la giovane penalista del Foro di Torre Annunziata è cresciuta tanto e, con il vento in poppa della Lega, ha superato un’altra potentissima donna della maggioranza, l’ex assessore alle politiche sociali Luisa Stanzione.

napodanobandinoSalvatore Napodano conferma la sua “mutazione genetica” da outsider a big della politica cittadina. La sua elezione, al termine di una campagna elettorale molto difficile, è frutto di un lavoro di consolidamento sul territorio che va avanti da diverso tempo e che presto troverà il suo sbocco naturale.

New entry il giovane medico chirurgo Luca Bandino, figlio del geriatra Giovanni e della pediatra Angela Fulgione, due istituzioni della professione medica ai piedi del Vesuvio.

cirilloLa “matricola” ha sbaragliato avversari apparentemente più quotati, grazie al sostegno ottenuto da più parti, ivi compresi il consigliere uscente Alfonso Fortunato e l’ex assessore ai lavori pubblici Nunzio Barone. Tra i sostenitori della lista De Luca che hanno atteso i risultati all’interno del comitato elettorale di via Regina Margherita c’era anche Vincenzo Bandino, sindaco emerito di Boscotrecase.

Gli elettori premiano Teresa Matrone, moglie dell’attore e regista Ignazio Panariello che chiude la “pattuglia rosa” della nuova maggioranza.

Strappa il ticket per il consiglio comunale anche l’ex assessore ai lavori pubblici, Vincenzo Cirillo. Un risultato per nulla scontato, considerato il fatto che il navigato esponente politico lavora a centinaia di chilometri di distanza da Trecase, essendo stato assunto come docente di disegno in una scuola a Lecco.

La nuova opposizione

antonino-vitielloporzioDall’altra parte della barricata, a parte l’elezione scontata dello sfidante Grieco, si registra la netta affermazione di Antonino Vitiello, pupillo dell’ex candidato sindaco e del papà Ciro.

L’elezione di Giuseppina Ilia Porzio, consigliere comunale uscente e donna più votata della lista, 58570898_2437186523013278_4723101279721619456_nrappresenta la definitiva consacrazione politica della giovane professionista di Trecase, capace di sbaragliare colleghi inizialmente dati per favoriti. La politica è bella anche per questo.

L’uscente Enzo Tortora strappa il numero di consensi sufficiente per sopravanzare di un’incollatura l’ottico Umberto Pelosio alla sua prima esperienza politica.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *