Trecase, tentato raid ai danni del Banco di Napoli di piazza San Gennaro

img-20181024-wa0001A giudicare dal bottino sembra quasi un rifacimento della scena finale de I soliti ignoti quando Ferribotte e compagni, dopo aver impiegato svariate ore per svaligiare la cassaforte di un banco dei pegni attraverso un appartamento vicino, si siedono a gustare la pasta e ceci cucinata dalle padrone di casa prima di uscire e poi scappano senza portare via nemmeno una banconota. Lo stesso è accaduto ieri mattina alla filiale di Trecase del Banco di Napoli a riprova del fatto che la realtà travolta è davvero capace di superare la fantasia. Ma veniamo ai fatti. Ignoti hanno tentato di impossessarsi della cassa bancomat all’esterno dell’Istituto di credito. Per mettere a segno il loro disegno criminoso non hanno esitato ad infrangere una vetrata, dimostrando di avere la medesima preparazione della banda di scalcinati del film di Monicelli. L’effrazione ha fatto scattare il sistema di allarme collegato con la centrale operativa della compagnia Carabinieri di Torre Annunziata e con la locale caserma di via monsignor Tortora. Nel giro di pochi minuti sul posto si sono precipitate due pattuglie, ma al momento del loro arrivo hanno trovato solo i vetri in frantumi. Evidentemente prefigurando il loro destino nel caso in cui si fossero trattenuti nelle adiacenze dell’edificio, i malviventi hanno pensato bene – si fa per dire – di tagliare la corda senza portare via nemmeno un euro, proprio come nel finale della commedia in cui il grande Totò interpreta il personaggio di Dante Cruciani. I dipendenti della banca hanno garantito regolarmente il servizio mentre la ditta incaricata ha provveduto a sostituire la vetrata danneggiata. Sono in corso indagini per dare un nome è un volto agli autori del raid in piazza San Gennaro. gli inquirenti passeranno al setaccio le immagini delle telecamere di sorveglianza.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *