Trecase, sarà corsa a due tra De Luca e Grieco

facciata-comuneSarà di nuovo Raffaele De Luca contro Gerardo Grieco. I due, concorrenti nella passata tornata elettorale, si sfideranno per l’ennesima volta. Riuscirà il sovrintendente della Polizia di Stato, figlio d’arte, a impedire la rielezione dell’avvocato prestato alla politica? Difficile fare pronostici, quando sono soltanto due le liste che si contendono il governo del paese e si vince senza turno di ballottaggio, quindi anche per un solo voto di differenza.

L’ingegnere strutturista Pasquale Stefanile, leader dei grillini di Trecase, ideatore della civica di ispirazione del movimento “#Ioper Trecase” non ce l’ha fatta a raccogliere le sessanta sottoscrizioni che la legge richiede per poter partecipare alla competizione. Il professionista trecasese ha, comunque, depositato nelle mani del responsabile dell’Ufficio elettorale e della segretaria generale del Comune, Elena Setano, l’elenco dei candidati (“9 cittadini più il sindaco, tutti rigorosamente neofiti della politica”) ben sapendo che la lista non sarà ammessa a causa dell’assenza di questo fondamentale requisito.

Saranno, dunque, De Luca e Grieco a contendersi lo scettro di primo cittadino di Trecase. L’attuale titolare della fascia tricolore ha deciso di puntare sugli assessori uscenti Vincenzo Cirillo, Vincenzo Erbetta, Luisa Stanzione, sui consiglieri “responsabili” Anna Fusco, alla sua prima apparizione ufficiale come esponente della Lega, e Salvatore Napodano, sulla vicepresidente del consiglio Teresa Matrone e poi sugli esponenti della società civile Luigi Cirillo, Giovanni Sorrentino, già consigliere comunale socialista ora approdato tra i salviniani di stretta osservanza e poi l’operatrice turistica Maria Rosaria Balzano, il dentista Luigi Cirillo, il medico Luca Bandino, il cancelliere del Tribunale Alfredo Bottazzo e, dulcis in fundo, ma non ultimo, il civilista Cirillo Antonio, presidente dell’associazione “Trecase domani”.

Dall’altra parte della barricata, a sostenere il secondo tentativo di Gerardo Grieco di conquistare lo scranno più alto del Palazzo, ci sono gli uscenti Claudia Paduano, Vincenzo Tortora, Giuseppe Villano e Giuseppina Ilia Porzio, protagonista di uno scontro epico con la Fusco, e poi tanti volti nuovi tra cui l’avvocato Giuseppe De Luca detto Pepi, la docente Lidia Ferraiuolo, l’ottico Umberto Pelosio, l’imprenditrice Maria Pagano detta Nives, Simone Sirto e Vitiello Antonino che provengono dal mondo della scuola e l’impiegata Carmela Tortora detta Milena.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *