Trecase, il GSD “Granato” al viale del tramonto, appello per un Museo civico del ciclismo

cardinaleÈ quanto mai incerto il destino del Gruppo Sportivo Dilettantistico “Umberto Granato”, una delle associazioni più longeve di Trecase, insieme alla Pro Loco. Il sodalizio fu fondato nel lontano 5 gennaio 1980 da Luigi Borriello, Nicola Borriello, Salvatore Carullo, Gennaro Cirillo, Raffaele Di Donna, Carmine Sannino, Giuseppe Cirillo, Giuseppe Solimeno, Luigi Fiorenza, Ciro Cirillo, Luigi Cirillo, Francesco Barone, Raffaele Cirillo, Peppe Villani, Mario Langella, Luigi Izzo, Vittorio Di Martino, Salvatore Cirillo e Domenico Sullo, i quali, da grandi appassionati del mondo delle due ruote, decisero di onorare la memoria di Umberto Granato, detto “Squilibrio”, grande direttore tecnico, artefice del leggendario passaggio del Giro d’Italia del 1935 per Trecase e Boscotrecase. Inizialmente il Gruppo aveva la propria sede sociale in via Regina Margherita, nei locali dell’Unione Sportiva Trecase, gloriosa compagine calcistica, da tempo estinta. Con il passare degli anni l’attività agonistica si è progressivamente affievolita, a vantaggio di quella sociale, nel senso che il Gruppo si è specializzato in azioni che esulano dal contesto sportivo ed hanno una valenza sociale e culturale. In questa ottica ha ottenuto in affidamento e curato la manutenzione del Monumento ai Caduti che si trova in piazza San Gennaro, si è impegnato nella organizzazione di manifestazioni sociali e culturali, iniziative editoriali, raccolte di fondi e iniziative di carattere benefico per le famiglie indigenti del territorio. Insomma è diventato un po’ il soggetto capofila del variegato panorama associativo trecasese. Nel frattempo, però, non è avvenuto il ricambio generazionale indispensabile per garantire una continuità nel prossimo futuro. Ecco, perché ad oggi il futuro del Circolo, che tanti riconoscimenti ha ottenuto anche da parte della Federazione Ciclistica Italiana e del Coni, appare in bilico. L’attuale presidente, Giuseppe Solimeno, che da tempo si trova al timone della benemerita associazione, insieme ai soci sostenitori, fa quello che può per non far morire la scintilla del ciclismo a Trecase, ma è molto difficile. Senza un aiuto da parte della classe dirigente del paese il circolo sembrerebbe destinato a chiudere i battenti. Molti auspicano che l’amministrazione accolta l’idea della istituzione di un piccolo Museo cittadino del ciclismo. Nella sede sociale del Gruppo “Granato”, infatti, sono custoditi decine di cimeli che meritano di essere custoditi in un luogo adatto per perpetrare la memoria dei grandi pionieri dei ciclismo alle falde del Vesuvio.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *