Trecase, Comune e Arciconfraternita in causa per la Tarsu

san-gennaroPagare le tasse, si sa, non è mai fonte di piacere. Si tratta di un obbligo che, tuttavia, deve essere necessariamente adempiuto, affinché si possa provvedere alla erogazione dei servizi.
A Trecase da sette anni a questa parte va avanti una querelle tra il Comune e l’Arciconfraternita della Santissima Trinità che riguarda proprio il pagamento della Tarsu (Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani) oggi sostituita dalla Tari. Nel 2012 il pio sodalizio ha impugnato una serie di atti di accertamento prodotti dall’ente locale e relativi al pagamento della Tarsu degli anni 2006, 2007, 2008 e 2009, sostenendo di non dover pagare alcunché.
L’amministrazione, dal canto suo, non è rimasta con le mani in mano ed ha pensato bene di contestare il punto di vista della congregazione religiosa. Di qui l’affidamento di un incarico professionale all’avvocato Ciro Manfredonia del Foro di Torre Annunziata con il preciso mandato di contestare la fondatezza delle ragioni di controparte.
Due anni dopo la Commissione Tributaria Provinciale di Napoli, organo di primo grado della giustizia tributaria, ha rigettato alcuni ricorsi, ma chi pensava che la battaglia legale fosse terminata ha dovuto ricredersi.
L’Arciconfraternita SS Trinità, dopo aver attentamente valutato le carte, sempre più convinta delle proprie ragioni, attraverso il proprio legale di fiducia, ha proposto appello nei confronti delle sentenze in questione. La palla, dunque, è passata nuovamente nel campo dell’amministrazione comunale.
Gli uffici del Palazzo di via Manzoni hanno seguito l’iter consueto, ivi compreso l’Ufficio tributi, che ha redatto una relazione in merito, concludendo per la necessità di continuare il giudizio. A questo punto gli atti sono finiti sul tavolo di riunione della giunta municipale.
La discussione è stata ampia e partecipata, alla fine tutti hanno condiviso la decisione di proseguire la strada giudiziaria, “stante la necessità e l’urgenza di tutelare le ragioni dell’Ente”.
Di qui la designazione dell’avvocato Luisa Destobbeleer del Foro di Torre Annunziata per la prosecuzione del giudizio. La professionista si è dichiarata disponibile ad accettare l’incarico, dichiarando di non avere cause di incompatibilità ad assumere incarichi presso la pubblica amministrazione.
Morale della favola? Comune di Trecase e Arciconfraternita della Santissima Trinità continueranno, dunque, a farsi la guerra nella aule della giustizia tributaria.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *