Tortora: turismo, agricoltura e arte per il rilancio

 

58570898_2437186523013278_4723101279721619456_nTurismo, agricoltura e arte. Questo il mix per rilanciare l’economia del territorio secondo il consigliere comunale uscente, Vincenzo Tortora. Che dopo aver condiviso le battaglie all’apposizione con Gerardo Grieco ne sostiene la scalata alla poltrona più ambita del Palazzo di via Manzoni.

Perché hai scelto di ricandidarti?

“Perché sono nato e vivo a Trecase e voglio migliorare la qualità di vita del mio paese. Intendo questo obiettivo come una sorta di missione. Mi piacerebbe che Trecase diventasse un paese normale, dove i diritti e i doveri sono uguali per tutti senza preferenze o raccomandazioni”.

Quali sono le tue priorità?

“Trecase ha grandi potenzialità che, però, restano inespresse. Siamo alle falde del Vesuvio, in un vero e proprio angolo di paradiso. Il turismo e l’agricoltura devono essere motori del nostro sviluppo. Nessuno più di me che sono figlio di contadini conosce quanto la vocazione agricola abbia rappresentato, e può continuare a rappresentare, per Trecase. E poi, poiché amo l’arte, la musica e lo spettacolo, mi impegno a dare una vita vera al Teatro Corelli che è un pezzo di storia cittadina, individuando, con la collaborazione delle associazioni, una programmazione seria.

Che cosa prometti agli elettori?

“Le promesse servono a poco. La gente è stanca, vuole risposte concrete su raccolta dei rifiuti, campetto sportivo, cimitero. Io ci sono”.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *