Napoli, all’Ics “47° Sarria-Monti” presentati due progetti del Programma Erasmus + Call 2017

icNei giorni scorsi nei propri locali  di via B. Martirano a Napoli, l’Istituto Comprensivo Statale “47° Sarria-Monti” ha presentato alla comunità locale i progetti “Z Generation in Digital Classrooms” e “Drop by Drop…Stop Dropout!”, sviluppati nell’ambito del Programma Erasmus + Call 2017-Partenariati strategici tra sole scuole. Volti a facilitare l’apprendimento scolastico attraverso lo scambio di buone pratiche, a favorire l’annullamento delle distanze e finalizzati alla mobilità degli studenti, totalmente finanziata da fondi europei per la partecipazione a giornate di studio (LTTA-Learning Training Teaching Activities) i due progetti sono stati illustrati alla presenza del Vicepresidente della VI Municipalità del Comune di Napoli, il quale ha garantito il sostegno della Municipalità a tutte le iniziative scolastiche che possano assicurare la crescita del territorio. Partner nel primo progetto – destinato ad alunni della scuola primaria di 5 Paesi (Turchia, Romania, Portogallo, Polonia, Italia) e della durata di 2 anni (2017/2019) – e coordinatore nel secondo – rivolto ad alunni  di 4 Paesi ( Italia, Gran Canaria, Portogallo, Francia) dell’ultima classe della scuola primaria e di tutte le classi della scuola secondaria e della durata di 3 anni (2017/2010), l’Istituto Comprensivo Statale “47° Sarria-Monti” apre ancora una volta la scuola al territorio circostante, allargandolo oltre i confini nazionali nell’ottica dell’accoglienza, dello scambio e della disponibilità all’altro. Come ha sottolineato nei saluti di benvenuto all’evento la Dirigente Scolastica, Prof.ssa Donatella Valentino, «questi progetti apportano soddisfazione agli Istituti scolastici, alle famiglie, alla Municipalità nei termini dell’apertura all’esterno e dell’abbattimento dei confini culturali, linguistici e religiosi in una visione più ampia ed unitaria». Derivati dai progetti Comenius, e come tutti i progetti Erasmus + aperti alle scolaresche del I ciclo d’istruzione, “Z Generation in Digital Classrooms” e “Drop by Drop…Stop Dropout!” si fondano sull’attivazione di una fitta rete di contatti e scambi a distanza e in presenza tra bambini e adolescenti di diversi Paesi che, già dalla fine del corrente mese di febbraio, saranno ospitati dalle famiglie del territorio secondo un programma predefinito in sede di presentazione e scandito in ogni fase, come hanno precisato le docenti Ornella Canneva e Rossella Palmieri, autrici e coordinatrici del Progetto “Drop by Drop…Stop Dropout!”. Classificatosi al 4° posto nella graduatoria dei progetti presentati da centinaia di scuole europee, il loro progetto è stato pensato e concepito per combattere la dispersione scolastica (Priorità Europa 2020) e per affrontare il conseguente fallimento educativo, che dipendono da disamore, noia e distanza tra la scuola e il vissuto degli studenti. Esso accompagnerà gli alunni della scuola primaria nella transizione al grado successivo di istruzione con la speranza di ridurre se non annullare casi di abbandono scolastico, anche nella prospettiva dell’orientamento scoastico. Grazie alla sinergia tra i docenti dei diversi Paesi e alla creazione di attività concepite nell’ambito della didattica innovativa, i progetti Erasmus +, presentati in tale sede, mirano ad aumentare l’interesse degli studenti per la scuola, coltivando in loro l’amore per il sapere attraverso nuovi modi di concepire l’insegnamento e gli ambienti di apprendimento. In tale ottica, quindi, è stato organizzato, all’interno del progetto, il seminario “Do not become an autumn leaf…Being an adult – Come riuscire nella vita, nella scuola e nel lavoro”, che si terrà a maggio 2019 sul tema del contrasto alla dispersione scolastica. L’evento è stato arricchito dalla partecipazione attiva delle famiglie e delle associazioni, quali la SGAT, che da sempre supportano le attività promosse dall’Istituto Comprensivo “47° Sarria-Monti” per la crescita e il miglioramento del tessuto socio-culturale del territorio. Per l’ennesima prova di collaborazione e sinergia con la scuola, l’intera comunità scolastica, nei saluti finali della D.S., ha ringraziato le famiglie intervenute che, a breve, ospiteranno i piccoli studenti provenienti da Turchia, Polonia, Romania e Portogallo, dando ancora una volta dimostrazione di accoglienza e apertura al mondo oltre i confini locali.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *