Festa della liberazione a Boscotrecase, il sindaco: Recuperiamo la solidarietà e la speranza dei partigiani

25-aprileUn appello a “recuperare quel senso di solidarietà e di speranza che animò i partigiani, per lavorare insieme e migliorare le condizioni di vita del paese, senza ideologie e senza guardare al colore politico” è stato lanciato dal sindaco di Boscotrecase, Pietro Carotenuto nel corso della cerimonia commemorativa del 25 aprile. Una manifestazione all’insegna della sobrietà, quella voluta dall’amministrazione comunale con la partecipazione dei carabinieri della stazione di Trecase, dagli agenti della polizia locale, guidati dalla comandante Maria Clotilde Liotto, e degli operatori della protezione civile, coordinati sul campo da Rosaria Vitulano. Tra i presenti vari esponenti dell’amministrazione, il presidente della Pro Loco di Boscotrecase, Antonio Giordano, la vice Maria Laura Inserviente, figlia del compianto comandante partigiano Gennaro Inserviente, un rappresentante dell’Associazione Nazionale Carabinieri e tanti semplici cittadini che non hanno voluto mancare al tradizionale appuntamento con la memoria, immortalato da Salvatore Verde. Dopo l’omaggio floreale, non senza una certa emozione, il titolare della fascia tricolore ha letto il duo discorso di circa tre cartelle, seguito con attenzione dal pubblico che, nel frattempo, si è radunano davanti al Monumento agli eroi della cittadina vesuviana che hanno offerto la loro vita per la Patria. Molti i riferimenti all’attualità nazionale e internazionale. Dopo la cerimonia è stato offerto un piccolo buffet.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *