Trecase, corso di formazione per gli operatori della protezione civile

corso-di-formazione

corso-di-formazioneA Trecase il Gruppo comunale di protezione civile è impegnato in un progetto di formazione continua. Ieri i volontari hanno approfondito il tema delle radiocomunicazioni in emergenza, grazie alla disponibilità dell’Associazione di protezione civile “Le Aquile del Vesuvio”, specializzata in questo campo. I radioamatori Maria Rosaria Villa Gianni Leone, rispettivamente presidente e coordinatore del sodalizio di Torre del Greco, hanno catturato l’attenzione dei colleghi di Trecase con una serie di nozioni teoriche e di indicazioni pratiche che si riveleranno molti utili per il prosieguo dell’attività istituzionale. “Siamo fortemente determinati – afferma la vicecoordinatrice Giuseppina Esposito – a continuare su questa strada che è l’unica che ci consentirà di rispondere in maniera adeguata alle richieste che ci dovessero pervenire dal territorio”. Il corso si è svolto nella sala teatro dell’Ic Dangiò di Trecase, messo a disposizione dalla dirigente scolastica, Agata Esposito. Il sindaco Raffaele De Luca, così come già fatto in occasione di un recente consiglio comunale, si è complimentato con i volontari per l’impegno e la determinazione, dimostrati negli ultimi due anni di attività.

Boscoreale, l’Accademia Upam di Ina Perna a Bruxelles per omaggiare Napoli

upam

upamChi sogna in grande guarda lontano, ed è ciò che ha fatto Ina Perna, direttore Artistico dell’Accademia Upam (Università Popolare Arte e Musical), nonché docente di danza classica di esperienza pluritrentennale, che quest’anno inaugurerà l’inizio dell’anno accademico dando la possibilità ai propri giovanissimi allievi di esibirsi in un contesto internazionale : “Credo che le opportunità per i giovani di esibirsi e di fare esperienza artistica in contesti stimolanti debbano essere alla base della formazione degli allievi, per questo motivo credo fortemente che queste occasioni di crescita (soprattutto personale oltre che artistica ) giovino ai miei ragazzi in maniera estrema e li aprano a guardare verso nuovi orizzonti”.
Gli allievi dell’Accademia Upam, infatti, grazie al progetto “dalla formazione al palcoscenico”, saranno ospiti a Bruxelles per esibirsi in uno spettacolo – omaggio all’Italia ed alla nostra terra- dal titolo “Napoli: un sogno, un amore”, un viaggio esplorativo attraverso le più belle canzoni napoletane di tutti i tempi, dal dopoguerra ai giorni nostri, passando tra tarantelle, poesie ed omaggi a grandi Artisti come Totò, Pino Daniele e Lucio Dalla, senza dimenticare i grandi classici napoletani. Tra i giovani artisti dell’Accademia Upam, si esibiranno danzatrici, cantanti- attori, musicisti (a partire da 13 anni!) che, ciliegina sulla torta, saranno ospitati nei giorni di permanenza da famiglie locali, dando ai ragazzi la possibilità di fare esperienza linguistica e di interazione culturale, aprendosi all’altro ed accettando il diverso. Un’idea intelligente, formativa e rivoluzionaria, ma soprattutto un’occasione di crescita che i nostri giovani (soprattutto i più talentuosi) meritano di poter cogliere e a cui meritano di poter essere indirizzati- si spera sempre più spesso- dalle realtà formative presenti sul nostro territorio.

Torre del Greco, premio “La Ginestra” 2017 a Fiorenza Ceragioli

ceragioli3

ceragioli3Sono molto felice per questo premio soprattutto perché la figura di Giacomo Leopardi ha sempre accompagnato i miei studi. Villa delle Ginestre? L’ho visitata prima che venisse restaurata, immagino che, recuperato l’antico splendore, sia oggi un luogo carico di atmosfera. Sarà emozionante ritornarci». Così la professoressa Fiorenza Ceragioli, ricercatrice prima all’Università di Firenze e poi alla Scuola Normale Superiore di Pisa, vincitrice del Premio nazionale leopardiano “La Ginestra 2017”, assegnato a personalità della cultura, del teatro e dello spettacolo che si siano distinte nello studio e nella divulgazione dell’opera di Leopardi. Il comitato scientifico, presieduto da Gaetano Manfredi, Rettore dell’Università “Federico II” di Napoli, e composto da Arturo De Vivo, Emma Giammattei, Paola Villani, Fabiana Cacciapuoti, Donatella Trotta, Matteo Palumbo (coordinatore del premio), ha voluto conferire il premio alla professoressa Ceragioli quale autrice di notevoli saggi su Leopardi «che l’hanno caratterizzata come un’interprete raffinata e rigorosa. I suoi studi mostrano una capacità acuta di indagare sulla forma dei testi – è scritto nella motivazione – sulle radici che hanno nella storia intellettuale del poeta e sui legami con gli ambienti in cui nascono. Espressione di tale ricerca meticolosa e illuminante sono soprattutto i volumi ”I canti fiorentini di Giacomo Leopardi” (1981) e “Il percorso della poesia. Giacomo Leopardi a Pisa” (2005). Il centro del lavoro di Fiorenza Ceragioli riguarda in particolare – prosegue la motivazione – la seconda fase della lirica leopardiana: quella che nasce appunto negli anni di Pisa e nella stagione di “A Silvia”. Si tratta di momenti decisivi nella storia del poeta». La cerimonia di premiazione della professoressa Ceragioli, collaboratrice del Centro Nazionale di Studi Leopardiani in Recanati e membro del Comitato Scientifico, è in programma il 14 settembre nella settecentesca Villa delle Ginestre, a Torre del Greco, dove Leopardi soggiornò dal 1836 al 1837 componendo alcune liriche tra le quali “La Ginestra” e “Il tramonto della Luna”. La manifestazione, giunta all’undicesima edizione, è organizzata dal Rotary Club “Torre del Greco-Comuni Vesuviani”, in collaborazione con la Fondazione Ville Vesuviane e l’Università “Federico II”. Il premio “La Ginestra” (premiolaginestra.it) vuole celebrare la figura di Giacomo Leopardi e i luoghi della Campania dove soggiornò il grande poeta di Recanati. Nelle ultime edizioni, il riconoscimento è andato sempre a massimi studiosi come Aldo Masullo, Gilberto Lonardi, Luigi Blasucci, Antonio Prete e Lucio Felici. Nel 2011 fu premiato il regista Mario Martone.

Boscotrecase e Torre, tutto pronto per il I Festival Appuntamento con la Felicità

Creare un vero e proprio incubatore per progetti di Felicità. È questo l’obbiettivo del I Festival “Appuntamento con la Felicità”, organizzato dalle associazioni “Progetto Cripta”, “Familiarmente” e “Jesce Sole”, che si terrà nelle città di Torre Annunziata e Boscotrecase sabato 23 e domenica 24 settembre. La conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa si svolgerà mercoledì 13 settembre alle ore 17, nell’atrio di Palazzo Criscuolo. Interverranno i portavoce delle tre associazioni promotrici dell’iniziativa: Anna Vitiello, a nome di “Progetto Cripta” che fa parte dell’associazione don Pietro Ottena, Marinella Antonacchio, di “Familiarmente”, e Antonio Frunzio, per “Jesce Sole”. Insieme a loro, i saluti dei sindaci delle due città Vincenzo Ascione, di Torre Annunziata, e Pietro Carotenuto, di Boscotrecase. Scopo dell’iniziativa è dare speranza trasmettendo il messaggio che una comunità può produrre felicità: una comunità felice è intesa come più accogliente, unita nei momenti positivi come quelli negativi, nella capacità di fare festa insieme. L’obiettivo è dare avvio al percorso di incubazione di “progetti felici”, creando relazioni tra i protagonisti e sviluppando idee sostenibili ed innovative atte a tutelare il bene comune. Ma anche, scoprire e riscoprire il proprio territorio, rivalutandone le bellezze che ci appartengono. Dibattiti sul tema con sociologi, filosofi e psicologi. Laboratori teatrali, di pittura e di yoga. Spettacoli musicali e di danza. Sono solo alcuni degli appuntamenti che si terranno durante il lungo fine settimana dedicato alla Felicità. A chiudere le due giornate due ospiti d’eccezione: il chitarrista e compositore Gianni Guarracino ed il circense e noto clown David Larible.

Trecase, cresce l’attesa per la festa di San Gennaro

san-gennaro

san-gennaroFervono i preparativi al Santuario-Parrocchia “Santa Maria delle Grazie e San Gennaro” in Trecase per le celebrazioni in onore di San Gennaro predisposti da don Aniello Gargiulo, Rettore del Santuario, per i festeggiamenti del Patrono che si tengono dal 14 al 24 settembre 2017. Quest’anno, la Comunità parrocchiale e la cittadinanza tutta di Trecase vivono momenti intensi di preghiera nella solennità dell’esaltazione della Santa Croce a tre anni dall’elevazione della chiesa a “Santuario” diocesano di San Gennaro ed è, possibile, con decreto di Papa Leone XIII, nell’anno Giubilare della Misericordia, ricevere l’indulgenza plenaria.
Fitto è il calendario delle celebrazioni liturgiche che don Aniello Gargiulo, coadiuvato dalla Comunità parrocchiale, ha promosso per questo evento. Giovedì 14 settembre, Solennità dell’esaltazione della Santa Croce, alle ore 19:00 don Aniello Gargiulo presiede la solenne Celebrazione Eucaristica; venerdì 15 settembre ore 19:00 si tiene la S. Messa con i portatori; sabato 16 settembre, alle ore 19:00 pellegrinaggio Parrocchia di S. Antonio – Trecase. Domenica 17 settembre, ore 8:00 la S. Messa è celebrata da don Mario Pasqua, parroco di S.M. del Carmine – Torre del Greco; alle ore 11:00 a celebrare la S. Messa è don Aniello Gargiulo; la Celebrazione Eucaristica delle ore 19:00 è presieduta da Mons. Gennaro Acampa, Vescovo Ausiliare di Napoli. Lunedì 18 settembre, ore 19:00 la S. Messa è officiata da don Antonio Ascione, docente della Pontificia Facoltà Teologica di Napoli; alle ore 20:30, celebrazione dei primi vespri di San Gennaro, esposizione del SS. Sacramento e adorazione notturna (il Santuario resta aperto tutta la notte).
Martedì 19 settembre – Solennità di San Gennaro, Patrono di Trecase è possibile, con decreto di Papa Pio IX, ricevere l’indulgenza Plenaria. Orario delle SS. Messe: ore 6:20 preghiera comunitaria e Benedizione Eucaristica; ore 7:00 S. Messa celebrata da don Aniello Gargiulo; ore 8:30 presiede don Ciro Esposito, parroco di S. Teresa – Torre Annunziata; ore 10:00 presiede don Pietro Amoroso, parroco dell’Addolorata in Boscotrecase; ore 11:30 presiede il Parroco don Lorenzo Pernice, chiesa S. Vincenzo a Postiglione – Torre del Greco; ore 19:00 presiede don Salvatore Accardo, decano del XIII Decanato. Mercoledì 20 settembre ore 19:00 Santa Messa e a seguire, presso la Sala teatro “Giovanni Paolo II”, un momento di riflessione sulla figura di San Gennaro” che don Aniello ha affidato al nostro direttore, Carmine Alboretti, cultore di storia ecclesiastica, il quale ha realizzato per l’occasione un video ed alcune slide. Giovedì 21 S. Messa alle ore 19:00; nei giorni 22 e 23 settembre, sempre alle ore 19:00, le Celebrazioni Eucaristiche saranno presiedute, rispettivamente, da don Ciro Scala e don Giuseppe Cesarino, parroco della Madonna di Lourdes – Napoli. Domenica 24 settembre le Sante Messe si terranno alle ore 8:00, alle ore 11:00. Alle ore 17:00 si tiene la Celebrazione Eucaristica e a seguire processione con la statua del Santo Patrono per le vie cittadine.
Per i festeggiamenti esterni, il Comitato Festa Patronale del Santuario, in comunione con don Aniello Gargiulo, con il supporto dell’Amministrazione comunale e la collaborazione delle Forze dell’Ordine, della Protezione Civile, delle Associazioni e degli Sponsor, ha organizzato numerose iniziative. Domenica 17 settembre, ore 20:00 presso l’Oratorio “Sac. Don Giuseppe Tortora”, l’associazione “Teatro Ragazzi” di Torre del Greco presenta la commedia di A. Petito “A’ scampagnata de’ tre disperati”. Martedì 19 settembre, ore 6,30 apertura della giornata in onore di San Gennaro con i fuochi d’artificio; ore 8:15 giro di ringraziamento per le strade cittadine a cura del Comitato Festa con la “New Band” Amici della musica; ore 20:00 in Piazza San Gennaro concerto live del coro “Jubilate Deo” di Torre del Greco. Giovedì 21 settembre, ore 20:30, presso l’oratorio “Sac. Don Giuseppe Tortora”, serata canora “Na voce, na chitarr … e che vuo’ chiu’ ” a cura del gruppo anziani “Noi oratori”. Venerdì 22 settembre, ore 16:30 “Corse delle botti e pigiatura dell’uva” a cura dei proff. Orapallo e Carotenuto; ore 20:00 in Piazza San Gennaro apertura della “XXII Sagra del Vino e del Tortano”; ore 21:00 esibizione di danza classica a cura dell’associazione “M.me Pavlova” di Trecase, a seguire spettacolo musicale con la partecipazione Francesco Cicchella. Sabato 23 settembre, ore 21:00 spettacolo live del gruppo “Sole Luna”. Domenica 24 settembre, ore 21:30 posa di una corona al monumento dei caduti della grande guerra con la partecipazione della “Fanfara del 10° Reggimento Carabinieri Campania”; ore 23:00 chiusura della Festa con spettacolo di fuochi pirotecnici e l’“Incendio del Campanile”. Per tutta il periodo della Festa, la “Pro Loco Trecase” ripropone il volume “ Ricurdammoce o ‘ ppassato” a cura di Nino Vicedomini.

Terzigno, tutto pronto per la prima edizione della Sagra della nocciola

nocciole
noccioleTutto pronto a Terzigno per la prima edizione della “Sagra della  nocciola”, evento a cura del Comitato Boccia al Mauro. Una “due giorni” di musica, sapori, spettacolo inizialmente prevista per il 2 ed il 3 settembre ma che poi, causa maltempo, è stata rinviata all’8 (venerdì) ed al 9 (sabato) settembre. La sagra di Boccia al Mauro è di quelle tutte da “gustare” per conoscere ed apprezzare, da vicino, una delle tipicità gastronomiche più ghiotte della zona vesuviana: sua maestà la nocciola. Oltre agli stand ed ai banchetti dedicati alla promozione del saporito frutto della “terra ignea”, la sagra sarà della nocciola anche l’occasione per divertirsi e danzare al ritmo della musica tradizionale. Il cartellone prevede, infatti, l’esibizione di alcune scuole di ballo locali (venerdì 2 settembre). Con loro, sul palco si alterneranno vari gruppi folk con canti, balli e tammorre oltre al live del musicista Pasquale Auricchio (sabato 9 settembre). Come se non bastasse, spazio anche per il divertimento con il cabaret di Oscar di Maio e figlia. Il giorno della prima (8 settembre), spazio alla serata cabaret del comico Fofò prima del gran finale con  Mimmo Dani, il “molleggiato del Sud”. L’area della sagra sarà “munita” di gonfiabili per tutti i bambini!! Un’occasione in più per non mancare!!

Boscotrecase, tutto pronto per la Notte di San Lorenzo insieme a Trecase

locandina

locandinaSarà una Notte sotto le stelle all’insegna dell’amicizia e della serenità, quella che, per la prima volta insieme, hanno organizzato le amministrazioni comunali di Boscotrecase e Trecase e le rispettive Pro Loco, affidate a Antonio Giordano e Luigi Trapani. L’appuntamento è per il 10 agosto prossimo alle ore 20.30 in piazza Municipio a Boscotrecase.

“Musica, balli, cibo da strada e momenti romantici – recita il manifesto – durante i quali ammirare insieme le stelle cadenti in occasione della Notte di San Lorenzo con l’ausilio di un telescopio e di un esperto di astronomia”.

Insomma sarà una serata da non dimenticare, l’ennesima di un nuovo percorso anche politico e amministrativo che sembra aver archiviato la storica rivalità degli anni Ottanta per il bene comune.

Il tutto grazie allo spirito di collaborazione tra Boscotrecase e Trecase frutto della stima reciproca dei sindaci Pietro Carotenuto e Raffaele De Luca e al lavoro di raccordo con le Pro Loco del consigliere delegato ai Grandi Eventi, Antonio Pollioso, ancora in attività nonostante il recente matrimonio e del suo omologo di Trecase, Teresa Matrone.

Torre Annunziata, in arrivo gruppo di turisti Usa per un documentario sulla città

Le tv statunitensi trasmetteranno un documentario su Torre Annunziata e sul suo straordinario patrimonio storico, artistico e religioso. È uno degli aspetti legati al “pellegrinaggio” nella cittadina vesuviana di un gruppo cittadini statunitensi che, a partire da domani, farà visita al Museo dell’Identità, alla Basilica Pontificia di Maria SS. della Neve e al Porto di Torre Annunziata dove si svolgeranno le commemorazioni e le rievocazioni storiche legate alla Festa del 5 agosto.

Il futuro di Torre Annunziata, dunque, è sempre più incentrato sul turismo e sulla promozione dell’immagine dell’antica Oplonti nel mondo. La presenza della delegazione americana sarà l’occasione per una conferenza stampa, presieduta dal neo sindaco Vincenzo Ascione, nel corso della quale verrà illustrato il patrimonio artistico e storico, nonché l’aspetto religioso mariano che da sempre ha contraddistinto la storia della città. All’incontro prenderanno parte anche il parroco rettore della Basilica pontificia di Maria SS. Della Neve, Monsignor Raffaele Russo, il giornalista pubblicista Armando Mei e Alessandra Belloni, artista italo – americana, organizzatrice della visita. Il gruppo statunitense sarà accompagnato da un operatore video che filmerà i momenti salienti della spedizione torrese per il documentario che sarà trasmesso sulle reti statunitensi.

I venerdì di Ercolano, accesso contingentato per la tutela del sito

Il Parco Archeologico di Ercolano, alla luce del crescente gradimento e dell’aumento dei visitatori per I venerdì di Ercolano, comunica che a partire da domani venerdì sera, 4 agosto, potranno accedere al sito 700 visitatori. Tale contingente è stato stabilito in base a condizioni logistiche ed esigenze di sicurezza. Il Parco sottolinea che il progetto culturale dell’iniziativa prevede una visita accompagnata della durata di circa 60 minuti al fine di offrire un’idea ampia e soddisfacente di una scelta significativa di domus all’interno del Parco.  Tale modalità si protrarrà per le prossime aperture serali, che si ripeteranno fino al 6 ottobre.

L’accesso al sito archeologico avviene per gruppi di 40 persone, che vengono accompagnate negli Scavi dal personale del Parco, ricevendo sintetiche informazioni di orientamento. All’area archeologica si entra da Corso Resina con un biglietto dal prezzo speciale di 2 €; l’ultimo ingresso è previsto alle ore 22,00.

I percorsi serali al Parco archeologico di Ercolano si svolgono grazie all’iniziativa del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo che con il Piano di Valorizzazione 2017 ha avviato il progetto delle Aperture serali straordinarie. Anche il Mav propone la sua offerta di visita all’interno delle sale del Museo allo stesso costo agevolato di 2 €.

Per entrambi i siti i percorsi si terranno tutti i venerdì fino al 6 ottobre.

Boscotrecase, Gigione conquista il pubblico di piazza Sant’Anna

gigione-a-boscotrecase

gigione-a-boscotrecaseUn migliaio di persone ha assistito al concerto di Gigione in piazza Sant’Anna, evento clou della festa patronale che si chiude oggi. Un evento attesissimo, che l’artista boscorealese, ha condotto in maniera egregia, mandando in visibilio i fans provenienti da tutta la provincia di Napoli. I timori sulla sicurezza, che erano stati manifestati in fase di preparazione dalla comandante della polizia locale, si sono rivelati infondati. Tutto ha funzionato alla perfezione. Merito del dispositivo di sicurezza approntato in occasione della conferenza di servizi, convocata dal sindaco Pietro Carotenuto, e del lavoro svolto da tutti i componenti del Comitato presieduto da don Rosario Petrullo, di cui ha fatto parte anche il consigliere comunale delegato ai grandi eventi, Antonio Pollioso. Polizia urbana, carabinieri di Trecase e Torre Annunziata, protezione civile comunale di Boscotrecase e Trecase, per la prima volta insieme in occasione di una manifestazione canora di rilievo, hanno dato il meglio di sè, dimostrando che competenza, professionalità e spirito di servizio sono un mix vincente. E i cittadini di Boscotrecase, in particolar modo quelli del Quartiere “Oratorio”, cuore pulsante del paese, non sono stati da meno, concorrendo creare un clima di serenità ed armonia. Un doveroso plauso va rivolto ai ragazzi ed agli adulti della comunità parrocchiale (lo staff, tanto per intenderci) impegnati su più fronti che hanno dato l’ennesima dimostrazione di attaccamento al territorio. Alla fine protagoniste assolute sono state le hit più note di Gigione e dei suoi figli: “la Campagnola”, “Giovanna Minigò” e poi “Pronto amore…” di Jo Donatello. Qualcuno ha storto il naso di fronte agli innocenti doppi sensi di Gigione (molto meglio – aggiungiamo noi, ma quando dagli altoparlanti collocati ai lati del palco si sono udite le prime note dei successi storici, in pochi sono riusciti a mantenere l’aplomb. Il presidente della Pro Loco di Boscotrecase, Antonio Giordano, ha poi fatto una simpatica irruzione sul palco per omaggiare Gigione di un’opera (una chitarra) realizzata con materiale di risulta dall’artista Carlo Di Prisco: “Gigione – ha affermato a Pagine Vesuviane l’avvocato boscotrecasese, figlio del professor Carlo, una delle menti più brillanti della zona – è patrimonio dell’umanità, va preservato. Ce lo invidiano in tutto il mondo”. Dopo due ore di canzoni Gigione ha salutato i suoi sostenitori con l’inno a San Pio. Gli operatori della Protezione civile hanno dovuto faticare non poco per strapparlo all’affetto dei fans. Ragazze in lacrime, bambini e persino una donna in dolce attesa hanno voluto immortalare il momento dell’abbraccio con il loro mito. Questa sera, con la tradizionale paninata ed i fuochi piromusicali a cura dell’amministrazione comunale, si chiude la Festa patronale in Piazza Municipio. Bravi tutti. L’anno prossimo si replica…

(foto di Nando Dell’Aquila, per gentile concessione)

Boscoreale: presentato “Chiedimi”, primo inedito di Chiara Ranieri

ranieri

ranieriPiccole star crescono grazie all’associazione “Strada Facendo Events”. Nella suggestiva location del Teatro Minerva di Boscoreale, si è svolta la conferenza stampa di presentazione di “Chiedimi” il primo inedito di Chiara Ranieri, 13 anni anni originaria di Marigliano, in provincia di Napoli. Il brano è stato scritto insieme alla sorella Roberta, coautrice di musica e testi.
Fin da piccola mostra una spiccata attitudine per il canto e una forte passione per il pianoforte. A soli nove anni partecipa al programma televisivo ”Io canto” condotto da Jerry Scotti. Dopo appena due anni partecipa da protagonista al concorso canoro “Una Voce Un Sogno”, conquistando con la sua voce il presidente di giuria Fio Zanotti.
Ma è con Rino Cirillo, presidente dell’associazione ”Strada Facendo Events” che è al suo fianco da circa tre anni, che inizia la sua scalata al successo, prendendo parte a numerosi spettacoli teatrali-musicali in tutta Italia. La prima grande soddisfazione arriva con la vittoria del Premio Mia Martini ”Una voce per Mimì”.
Ora, è ad un passo per spiccare il volo. E’ l’unica ragazza della Campania tra le 12 finaliste al “Festival Show”, l’evento musicale dell’anno che si terrà il 4 settembre all’Arena di Verona. Per staccare il biglietto, basta inviare un sms al 4787878, scrivendo “VOTO 01”. Si possono inviare fino a 50 messaggi dalla stesso numero.
“Sto vivendo il sogno di ogni artista, quasi non credo a tutto quello che mi sta capitando. Ma la mia famiglia mi ha insegnato a rimanere con i piedi per terra, a rimanere umile” ha detto emozionata Chiara a margine dell’incontro con la stampa.

I venerdì di Ercolano, partono il 7 luglio i percorsi serali

parco-ercolano

parco-ercolanoPartono venerdì 7 luglio i percorsi serali alla città di Ercolano, con un programma che vede Parco Archeologico e Mav proporre un’offerta diversificata ai visitatori della cittadina ai piedi del Vesuvio con un itinerario, che da venerdì  14 luglio, unirà la storia antica alle ricostruzioni virtuali.

Il prossimo venerdì 7 luglio, al Parco Archeologico di Ercolano i visitatori verranno accompagnati negli Scavi in un percorso della durata di circa un’ora accedendo dall’ingresso di Corso Resina. Le visite partiranno alle ore 20,00 e, in gruppi di 30 persone, gli ospiti potranno godere di un itinerario che svelerà illuminati il Sacello degli Augustali, la Casa di Nettuno e Anfitrite, le Terme femminili, la Casa Sannitica e la Casa dei Cervi, entrando così nella suggestiva atmosfera delle visite serali. Fino alle ore 23,00 i visitatori potranno godere del Parco Archeologico illuminato con un biglietto al prezzo speciale di 2 €. L’ultimo ingresso è previsto alle ore 22,00. Sarà poi dai successivi venerdì che i visitatori verranno guidati negli Scavi illuminati anche attraverso le ricostruzioni multimediali.

Continua così la sinergica collaborazione tra i due principali attrattori del territorio ercolanese fortemente voluta dal neo-direttore del Parco, Francesco Sirano, che dichiara “Ercolano è terra fertile per eccellenza, per le risapute qualità del terreno e per la vivacità culturale delle istituzioni che ho riscontrato in questi primi mesi di lavoro. Grazie alla reciproca collaborazione stretta con il Mav – continua il direttore Sirano – offriamo ai visitatori un suggestivo percorso all’interno dell’Area archeologica. Stiamo lavorando per ampliare e migliorare la fruizione, e nelle prossime settimane sicuramente i visitatori potranno godere di un percorso più completo e attraente perché possano davvero entrare nell’atmosfera del mondo antico. Ho accettato la sfida di trasmettere a tutto il pubblico le straordinarie scoperte che i gruppi di studio internazionali presenti sul sito stanno facendo da alcuni anni, in particolare in questa occasione ci siamo basati sui lavori dell’Università di Toulouse e della americana Washington and Lee University di Lexington”.

I percorsi serali si svolgono grazie all’iniziativa del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo che con il Piano di Valorizzazione 2017 ha avviato il progetto delle Aperture serali straordinarie. Visite serali anche al Mav, che venerdì 7 luglio festeggia il nono anno di apertura, con apertura fino alle ore 23,00.  I visitatori, a partire dalle ore 18.00 con un biglietto di 2 €, potranno accedere alle sale del museo virtuale e partecipare alla festa del museo tra musica, arte e degustazione di prodotti locali. “Una serata speciale, dedicata alla musica e all’arte, per ricordare l’anniversario dell’apertura del MAV. – dichiara il direttore del MAV Ciro Cacciola-  Da quel luglio 2008 il MAV è cresciuto, si è trasformato più volte, ha cambiato pelle. Nei prossimi mesi lo farà di nuovo, con allestimenti, installazioni, tecnologie e spazi inediti dove poter vivere una vera ‘esperienza’ immersiva, virtuale, multisensoriale. Ed in attesa del MAV 4.0 abbiamo preparato un piccolo regalo per tutti nostri amici”

Grande soddisfazione espressa dal sindaco della Città di Ercolano: “Grazie alla sinergia tra Comune di Ercolano, Parco Archeologico e Mav, quest’anno riusciremo a garantire per oltre tre mesi un appuntamento settimanale con le visite notturne agli Scavi – dice il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto.- Mettere in mostra la Città antica con un suggestivo percorso di luci significa valorizzare ancora di più un patrimonio unico al mondo. Sulla scorta delle esperienze degli scorsi anni, sono certo che tante persone decideranno di visitare gli Scavi di notte e mi auguro che questa occasione possa rivelarsi utile anche per le attività ricettive della zona. In tal senso, stiamo provvedendo alla pubblicazione di un bando per la concessione di spazi espositivi e di vendita di prodotti artigianali su corso Resina e via IV Novembre in occasione delle manifestazioni serali”. Di “spinta alle attività di incoming” parla l’assessore al Turismo Ivana di Stasio, “non replica della visita diurna ma di esperienza per fruire di aspetti inediti, ulteriore offerta per le serate d’estate anche per i cittadini di Ercolano”. I percorsi si terranno tutti i venerdì fino al 6 ottobre 2017. L’itinerario al Parco Archeologico di Ercolano è stato elaborato con il supporto di HCP; un ringraziamento particolare va a Domenico Camardo per la consulenza scientifica.

Sorrento, al Delle Rose lo spettacolo di danza “Alice, tempo e cappellaio”

danza

danzaLa passione muove il mondo, e quando incontra l’arte crea un’alchimia che oltrepassa la realtà. Al “Teatro delle Rose” di Piano di Sorrento ci si appresta a vivere un sogno con lo spettacolo di danza “Alice, tempo e cappellaio”, a cura del “Conservatorio ArteBalletto” di Cristina Napoli, direttrice artistica e didattica. Il balletto, in tre atti, andrà in scena martedì 4 luglio alle 19.30 e suggellerà la conclusione dell’anno accademico del centro danza.

La storia traduce pensieri, sensazioni, invenzioni in gesti del corpo di ben cento allieve. Perché il vero dono della danza è emozionare, ispirare, dare all’anima. Lo spettatore verrà sollecitato a spostarsi, attraverso la fantasia, in paesaggi e ambienti inusuali e affascinanti. L’attenzione sarà rivolta al vissuto di personaggi segnati da vicende diverse: al centro delle quali, emerge, però, prepotentemente il tema fondamentale della famiglia.

Il balletto è un adattamento del romanzo di Lewis Carrol “Alice nel Paese delle Meraviglie”, curato da Ida Napoli e Dino Potenza che ha curato anche le colonne sonore insieme a Filippo Forni, il tutto sotto la supervisione artistica di Cristina.

Boscotrecase, domenica il 13° Raduno di auto e moto d’epoca Sotto il vulcano

raduno

radunoTutto pronto, a Boscotrecase, per il 13° Raduno di auto e moto d’epoca “Sotto il vulcano”. L’appuntamento, di cui è partner tecnico Manzo Revisioni, e che gode del patrocinio del Comune di Boscotrecase, è per domenica 9 luglio in piazza Municipio.

Il ritrovo dei partecipanti è fissato per le 9 nel piazzale antistante la Casa Comunale, ad un tiro di schioppo dalla scuola media Cardinal Prisco e dallo stadio comunale. Alle 11 è prevista la partenza del giro turistico che toccherà le vie del borgo che ha dato i natali al cardinale filosofo Giuseppe Prisco. Sarà un’occasione imperdibile per scoprire gli angoli più nascosti e suggestivi del Paese.

Al termine è prevista una pausa eno-gastronomica presso una taverna tipica vesuviana. Qui i partecipanti alla manifestazione, in un clima di amicizia e serenità, consumeranno i piatti della tradizione con i prodotti tipici del territorio. L’evento è giunto alla sua 13 edizione, grazie alla forte passione per i motori ed all’interesse dello storico organizzatore Manzo Raimondo che, nel corso degli ultimi trent’anni, è diventato un punto di riferimento per tutti gli appassionati di motori della fascia pedemontana del Vesuvio.

Il Musical West side story chiude il progetto “Dalla formazione al palcoscenico”

ina-perna-300x300

ina-perna-300x300Il Musical West side story è la tappa finale di un percorso cominciato a febbraio, con il progetto “Dalla formazione al palcoscenico” ideato da Ina Perna e Stefano Forti con Raffaello Converso, Gianmarco Cesario e Gianluca Cangiano. Primi appuntamenti il 19 e 20 luglio a Pompei e il 21 luglio a Sorrento.
“Dalla formazione al palcoscenico” è partito dalla consapevolezza che le opportunità per i giovani artisti di emergere, realizzarsi, guadagnare attraverso il loro talento siano ridottissime, se non invisibili, specialmente al sud Italia, ed ha voluto creare una rete di opportunità dedicate ai giovani che vogliono investire tempo e sudore nella propria passione artistica.
L’Accademia Upam di Boscoreale è stata la sede ideale, essendo promotrice di corsi triennali professionali di musical e recitazione in cui gli allievi hanno la possibilità e l’opportunità di mettersi in gioco, crescere e perfezionarsi in tutte le discipline delle arti sceniche, diventando dei veri performer capaci di unire il canto, il ballo e la recitazione in un’unica scena.
L’Accademia Upam è stata il tempio perfetto per un progetto artistico a 360°, visto che al di là degli incontri e delle prove dedicate al musical, ogni giorno si susseguono, in quattrocento mq di spazi totalmente dedicati all’arte, lezioni di (quasi) tutte le discipline artistiche, dalla danza classica, al moderno, contemporaneo, jazz, tip tap, danza aerea, teatro danza, recitazione, dizione, canto, strumento, ed alcuni tra i personaggi del cast sono stati infatti selezionati tra gli allievi migliori dalla stessa Accademia.
Nei mesi di febbraio e marzo, in occasione dei casting, si sono presentati e confrontati moltissimi ragazzi e ragazze dai 18 ai 30 anni, ballerini, cantanti-attori, performer, e alla fine sono stati selezionati tra questi quelli facenti attualmente parte del cast del “West Side story”, che hanno avuto la possibilità di studiare gratuitamente le discipline del musical (danza, canto e recitazione) con Maestri di chiara fama, seguendo cosi un percorso formativo che li ha resi ancora più pronti all’ardua opera di messa in scena di un musical.
La scelta del musical West Side story, tra l’altro, non è stata casuale, essendo una rivisitazione broadwaiana (pluripremiata) della famosa tragedia di Shakespeare “Romeo e Giulietta”, e proprio in occasione dei 500 anni della morte dello scrittore, offre allo spettatore non solo un salto nel passato attraverso luci, balletti e canzoni, ma anche notevoli spunti di riflessione su temi importanti come l’immigrazione, l’apertura al diverso o il rapporto uomo-donna elaborato in un tempo diverso dal nostro.
Proprio per questo mix di temi, argomenti di dibattito e spunti di dialogo, l’auspicio é che West side story possa andare in scena nell’autunno 2017 in matinè per le scuole, seguito da un lungo dibattito in cui gli studenti potranno chiarire analogie e differenze con la tragedia Shakesperiana, analizzare i temi sopracitati creando un parallelismo tra il tempo di Romeo e Giulietta, il tempo di ambientazione di West Side Story, e il nostro tempo ed ecco che una forma d’arte spumeggiante, piacevole e forte come quella del musical diventa motivo di crescita culturale e dialogo.

1 2 3 16