Boscotrecase, “stagno artificiale” in via Nazionale: manca un tratto di fogna

stagno-via-nazionaleUno stagno artificiale a ridosso della intersezione tra via Nazionale e via Calabrese, nei pressi del distributore di Gpl. Pedoni e automobilisti che transitano lungo questa importante direttrice non possono fare a meno di notarlo ai margini della carreggiata. A prima vista sembrerebbe un accumulo di acqua piovana, ma ad un esame più approfondito, anche olfattivo, si ha l’impressione che si tratti di qualcos’altro, ossia di reflui di fogna. Possibile? Abbiamo chiesto lumi all’assessore ai lavori pubblici, titolare anche della delega alla rete fognaria, Aniello Solimeno, il quale, essendo è ingegnere, ha la competenza professionale per spiegare quello che è accaduto. Il giovane esponente politico non si è sottratto al confronto.

Assessore Solimeno come stanno le cose?

“Per la questione di Via Nazionale ci siamo impegnati, sin dai primi mesi della consiliatura, io ed il sindaco, sollecitando a più riprese la Gori che, nella fattispecie, ha la competenza esclusiva”.

E poi?

“Gori ha provveduto a verificare mediante video-ispezione l’assenza di un tratto della condotta fognaria che provoca la fuoriuscita dei liquami sulla sede stradale. Successivamente, sempre sollecitata da noi, la Gori, all’incirca un anno fa, ha aperto un cantiere per alcuni giorni procedendo con uno scavo che ha non solo confermato l’assenza di una parte della condotta ma è stato determinante per il progetto di ripristino della parte mancante”.

Cioè?

“Soltanto attraverso lo scavo si è potuta verificare la posizione della galleria, dove attualmente passano i treni della Circumvesuviana. In seguito allo scavo abbiamo convocato anche la società Eav in quanto società che ha realizzato in passato la galleria, lavorando anche sulla condotta fognaria. In relazione a questo, proprio per la presenza della galleria, Gori ha dovuto optare per un piano alternativo, che prevede la realizzazione ex novo di un centinaio di metri di rete fognaria in direzione di Torre Annunziata. Un lavoro importante che, proprio per le proporzioni dello stesso, la società ha dovuto inserire nel piano degli investimenti del 2018. Lavoro che dovrebbe esser realizzato entro fine anno”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *