Boscotrecase, sindaco e consiglieri comunali in preghiera da San Francesco

43046248_10215714235002227_82764157232873472_n 43128062_10216840806321966_5064114226960793600_n“Il bene comune è la stella polare dell’azione della politica”. Nel partecipare, come tutti i suoi predecessori, al rito solenne dell’accensione della lampada votiva davanti a San Francesco, il sindaco Pietro Carotenuto ha tracciato una sorta di bilancio del percorso compiuto dall’amministrazione.

“Al di là delle singole scelte – ha ricordato davanti ad ai fedeli che hanno partecipato alla Santa Messa, presieduta da don Rosario Petrullo, parroco rettore di Sant’Anna – posso affermare senza timore di essere smentito che abbiamo sempre anteposto gli interessi generali a quelli di parte.  Ed anzi, nella direzione del messaggio e della spiritualità di San Francesco, ci siamo impegnati a portare avanti una serie di iniziative a sostegno delle fasce deboli della 43242481_10216840809282040_9073205798204604416_n43242481_10216840809282040_9073205798204604416_npopolazione e a salvaguardia del Creato. Penso all’apertura del Centro contro la violenza sulle donne, alla realizzazione dell’asilo nido all’interno dell’ex scuola media e, per toccare anche la materia del rispetto dell’ambiente, all’impegno per la raccolta differenziata e contro il conferimento selvaggio dei rifiuti”.

Il titolare della fascia tricolore ha ammesso che “ci sono ancora tante cose da fare”, ma “con l’aiuto di tutti, potremo raggiungere ancora numerosi traguardi ed accrescere la qualità della vita nel nostro territorio”.

In mattinata il vicesindaco Francesco Monteleone e le consigliere Annarita Campanile e Lina Sorrentino hanno preso concerto-3parte alla III 43074500_10216840808282015_1879085330582208512_nedizione della “Marcia per la salvaguardia del creato” che ha avuto come protagonisti gli alunni delle quinte classi della scuola primaria di Boscotrecase.

Sotto lo sguardo della dirigente Carmela Sorrentino (vincitrice della prima edizione del Premio per l’impegno sociale “Giuseppe Noto e Rosa Liguori”) e delle rispettive insegnanti, i bambini hanno presentato i loro lavori sulla tutela dell’ambiente, dimostrando una non comune sensibilità per poi seguire con attenzione gli interventi di Domenico Imperatore, responsabile della comunicazione di Acquatec (che ha parlato dell’acqua come risorsa), e Pasquale Raia, dirigente di Legambiente Campania, che ha, invece spiegato, anche nella veste di consigliere dell’Ente Parco, l’importanza di proteggere una vera “perla” salvaguardiadel creato quale è la fascia pedemontana del Vesuvio.

Nel corso della tre giorni dedicata al Poverello di Assisi è stata annunciata con un concerto – recital la nascita dell’associazione dei genitori e degli ex alunni della scuola Prisco.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *