Boscotrecase, i ragazzi della Prisco adottano la Chiesa di San Francesco

11 Un viaggio alla scoperta del patrimonio storico ed artistico del territorio, partendo dalla Chiesa di San Francesco d’Assisi. È quello che i docenti dell’Ic Boscotrecase 1 – Prisco, diretto dalla preside Carmela Sorrentino, hanno proposto quest’anno ai sessantotto studenti delle classi quinte della scuola primaria che si apprestano a lasciare il primo ciclo di studi per entrare nella temperie dell’adolescenza.

La risposta dei ragazzi è stata davvero straordinaria sia in termini di impegno che di qualità dei contenuti. Raramente ci è capitato di assistere ad una manifestazione così coinvolgente, dalla quale traspare l’amore con cui docenti, alunni, collaboratori scolastici e famiglie hanno contribuito alla manifestazione. 333-bis L’edificio di culto, icona della devozione dei boscotrecasesi al Poverello di Assisi, è stato studiato fin nei minimi dettagli.

Gli alunni, coordinati dalle docenti Annalisa e Marina De La Ville Suryllon, hanno ricostruito il glorioso passato della cappella che ospita i laici francescani di Boscotrecase fino ai giorni nostri, partendo dalla fondazione ad opera di monsignor Giuseppe Izzo, parroco di Sant’Anna elevato da Papa Leone XIII alla dignità vescovile, passando per la terribile eruzione dell’8 aprile 1906 fino alla costruzione del nuovo tempio in un terreno prospiciente la piazza del Quartiere “Oratorio”.

Davvero sorprendente la decisione di dare vita ad una piccola ma divertente rappresentazione teatrale sul “Ritorno di San Francesco a Boscotrecase”. 5555-bis La pièce è stata introdotta da un momento musicale a cura del Coro delle classi V c diretto dalla Maestra Cira Colucci. Prima della esibizione la Maestra Maria Amita ha rivolto un pensiero commosso alla Maestra Michelina D’Errico, scomparsa nei mesi scorsi. Un lungo e commosso applauso ha sottolineato il ricordo dell’insegnante che era legatissima alla scuola di via Annunziatella ed ai suoi piccoli alunni.

Gli alunni dell’Ic Boscotrecase 1 – Prisco, sotto lo sguardo attento dall’assessore alla pubblica istruzione Lina Sorrentino, hanno recitato e cantato in maniera encomiabile, trasmettendo passione, entusiasmo, senso civico. Ma non si sono limitati a questo. Vista la recente mobilitazione popolare indetta dai francescani per raccogliere fondi per la impermeabilizzazione del tetto della 4Chiesa hanno pensato bene di realizzare spillette e piccoli manufatti da offrire ai presenti in modo da contribuire alla colletta. L’ennesima dimostrazione del grande lavoro educativo che svolgono, giorno per giorno, gli operatori della scuola per trasmettere non soltanto nozioni ma Valori da applicare nella vita di tutti i giorni.

Oggi è stata scritta una bella pagina di storia, grazie al grande cuore della comunità scolastica della Prisco che è, a pieno titolo, una eccellenza di Boscotrecase e di tutta la fascia pedemontana del Vesuvio. Di questo dobbiamo essere grati alla preside Sorrentino, a tutto il corpo 1docente e non docente, agli studenti ed alle famiglie che sostengono con entusiasmo gli sforzi della scuola. Grazie a loro la memoria di Boscotrecase è in ottime mani…

 

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *