Boscotrecase, questa sera la Sagra dell’albicocca e del pisello centogiorni

Comune di Boscotrecase e Slow Food “Condotta del Vesuvio” insieme per la prima edizione della Sagra dell’albicocca e del pisello centogiorni. Un evento inserito nell’ambito del progetto “Vesevus de gustibus: le arti, i sapori, le tradizioni” della Città metropolitana di Napoli. L’appuntamento è per questa sera nel suggestivo scenario di piazza Casa Vitelli, nel cuore del centro storico cittadino. Qui alle 19.30 si svolgerà prima un convegno sulla tutela e valorizzazione dei prodotti agricoli, poi i visitatori avranno modo di fermarsi agli stand degustativi gestiti dagli studenti dell’Istituto alberghiero “Pantaleo” di Torre del Greco. A conclusione della serata è previsto uno spettacolare musicale a cura del Liceo musicale “Melissa Bassi” di Napoli. Saranno presenti stand espositivi di aziende vinicole e di associazioni del territorio che hanno aderito al progetto. L’evento è stato presentato nel corso di una conferenza stampa che si è svolta nell’ufficio del sindaco di Boscotrecase, alla quale hanno parte il primo cittadino Pietro Carotenuto, il consigliere Antonio Pollioso (che ha introdotto i lavori sottolineando il lavoro svolto dall’assessore Saverio Vitulano e dalla consigliera Lina Sorrentino e il supporto della ex Provincia, in particolare del consigliere Michele Maddaloni) delegato ai Grandi Eventi, la responsabile della Condotta del Vesuvio, Lionelli, e il consigliere comunale dell’ex frazione di Trecase, Vincenzo Tortora, nelle vesti di erede e continuatore di una grande tradizione familiare contadina che ha saputo custodire la cultura dei prodotti tipici del territorio come il pisello centogiorni e l’albicocca del Vesuvio di cui esistono ben 94 specie (“se avessimo investito a suo tempo oggi i nostri giovani anziché emigrare sarebbero saldamente ancorati al nostro territorio. Ma ora abbiamo la possibilità di recuperare”). “Il nostro presidio – ha detto la rappresentante di Slow Food – deve vivere e deve rappresentare un motore in grado di mette in movimento l’economia locale,oltre a salvaguardare la bellezza e la biodiversità. Per questo quando selezianiamo un prodotto facciamo anche una ricerca per individuare contadini disposti a produrre e entrare sul mercato. Per il pisello centogiorni e l’albicocca il successo è stato immediato. Abbiamo anche avuto l’adesione dell’Alleanza dei cuochi e dei pizzaioli che s sono impegnati ad acquistare prodotti dei nostri presidi. L’albicocca è arrivata in tutto il mondo. Pepe ha inventato una pizza speciale che contiene la confettura di albicocca. Abbuamo registrato con piacere  l’interesse del Comune di Boscotrecase per mettere in campo strategie importanti per progetti di filiera”. Sulla stessa lunghezza d’onda il sindaco che ha sottolineato che la vocazione di Boscotrecase è agricola e turistica: “Stiamo tornando alle origini. Ed è un elemento estremamente positivo. Nell’ultimo bilancio per dare una mano ai nuovi b&b, agriturismo e attività abbiamo  eliminato il pagamento della tassa dei rifiuti per tre anni. Questo dimostra che abbiamo una visione di prospettiva per il futuro del paese”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *