Boscotrecase, grande successo per Ti presento Francesco

 È stato presentato nella Chiesa di San Francesco d’Assisi il volume “Ti presento Francesco” di Leonardo De Lorenzo, primo appuntamento autunnale della rassegna “Libri in comune” promossa dall’amministrazione comunale di Boscotrecase per avvicinare i cittadini alla lettura. Alla conferenza hanno partecipato Stefani Spisto, presidente de “Il quaderno edizioni”, l’editrice Paola Laudadio, il sindaco Pietro Carotenuto, la consigliere delegata alla cultura, Lina Sorrentino e l’autore. Spettatori d’eccezione il presidente della Pro Loco di Boscotrecase, Antonio Giordano, la sua vice Laura Inserviente, la consigliera comunale Maria Sella, l’assessore Agnese Federico, il funzionario tecnico della Città metropolitana, Guido Visciano e tanti semplici cittadini che hanno con attenzione i vari interventi.

In “Ti presento Francesco” il batterista Leonardo De Lorenzo racconta la malattia del figlio (una rara forma di tumore pediatrico) in un progetto multimediale che comprende un libro e un disco.  La prefazione porta la firma di Tullio De Piscopo, mentre la quarta di copertina è di Maurizio De Giovanni. Il libro, una perla preziosa da conservare e ascoltare, alterna racconti di vita quotidiana a riflessioni sulla disabilità.

Nel corso della sua introduzione Stefania Spisto ha sottolineato che “non bisogna aver paura del dolore, ma è necessario imparare ad accoglierlo ed a trasformarlo così come hanno fatto Leonardo e Teresa in poesia ed in musica”. Per Paola Laudadio, che ha supervisionato l’opera, “il senso del libro è quello di far comprendere che la malattia di Francesco è strumento di coesione familiare e di conoscenza della realtà del dolore. È un libro che appassiona ed emoziona”. Il sindaco Pietro Carotenuto, con orgoglio, ha ribadito l’impegno della sua nel “promuovere e sostenere iniziative editoriali come queste che fanno conoscere la dimensione più vera del dolore ma non rinunciano mai alla speranza”. Ultimo ad intervenire, com’è consuetudine, è stato lo scrittore Leonardo De Lorenzo: “la difficoltà più grande da superare – ha detto – è stata ricordare gli eventi. Mi sono reso conto che alcuni fatti li avevo rimossi e posti in un cassetto”. Mai scelta della location poteva essere più adatta. San Francesco è l’emblema della minorità, della vicinanza fraterna a chi vive nel dolore fisico e nella sofferenza spirituale. L’ambiente e le musiche eseguite nel corso dell’evento hanno reso la presentazione ancora più suggestiva.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *