Boscotrecase, consigliere d’opposizione vigila sui lavori di restyling stradale

izzo-mentre-vigila Si aggira per i cantieri stradali prendendo nota dei lavori eseguiti e scattando foto con il suo smartphone. La sua presenza non è passata inosservata, tanto che qualche cittadino di Boscotrecase lo ha immortalato ed ha chiesto lumi sulla sua azione all’interno di un frequentatissimo gruppo presente su Facebook (“Sei di Boscotrecase se…”). Il protagonista di questo encomiabile comportamento è il consigliere comunale di opposizione, Alfredo Izzo, presidente della III Commissione consiliare. Quest’ultimo, ingegnere di professione e da sempre strenuo difensore del decoro del borgo natio del cardinale Giuseppe Ermenegildo Prisco, si è preso la briga di andare a verificare punto per punto lo stato di avanzamento dei lavori di rifacimento delle strade comunali: “Sono un consigliere comunale di opposizione, di professione ingegnere, che ha collaborato, a titolo gratuito, alla progettazione definitiva ed esecutiva inerente il rifacimento della pavimentazione delle strade comunali ed i restyling delle piazze Annunziatella e Municipio. Progetto ultimato e approvato qualche anno fa per il quale è stato affidato l’incarico di Progettista, Direttore dei Lavori e Responsabile della sicurezza ad un tecnico abilitato alieno alla P.A. Successivamente, la P.A. , nella persona del sindaco e dell’allora assessore ing. Solimeno, in uno all’Utc, hanno curato il carteggio tecnico amministravo per la preparazione del bando di gara per l’affidamento dei lavori la cui procedura esecutiva è stata curata dalla Centrale Unica di Committenza, con sede in Torre Annunziata”.

Di qui la precisazione che “chi scrive non è il direttore dei lavori in parola, né ha alcun ruolo in seno all’impresa appaltatrice. I sopralluoghi effettuati, a partire dall’inizio dei lavori, vedono lo scrivente, nella qualità di consigliere comunale, che effettua report sull’andamento dei succitati lavori, rilevando, in situ, ed estraendolo in supporto fotografico e scritto, quello che emerge dal quadro obiettivo riscontrato”. Si tratta di un’attività, che “non vuole essere ostativa all’esecuzione dei lavori ma, come già accaduto in fase di progettazione, collaborativa e consultiva per il rispetto della regola dell’arte in materia di lavori stradali”. Di qui l’ulteriore aggiunta che “eventuali osservazioni circa rifacimenti e/o proposte di miglioramento saranno trasmesse ufficialmente e senza remore alla direzione dei lavori per gli adempimenti del caso”.

Secondo il presidente Izzo “i lavori pubblici, eseguiti con denaro pubblico, devono essere eseguiti nel rispetto delle vigenti leggi e del criterio della regola dell’arte. Senza se e senza ma”.Se i politici locali prendessero esempio dal solerte consigliere d’opposizione, figlio del compianto pediatra Francesco, molte opere pubbliche realizzate nel circondario non presenterebbero determinati problemi e, sicuramente, lo standard di vita delle nostre comunità sarebbe più elevato. Da questo punto di vista ben venga la collaborazione istituzionale tra maggioranza ed opposizione. Il bene comune, del resto, riguarda tutti, a prescindere dalle singole posizioni ideologiche…

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *