Boscotrecase, il Comune si accredita per il servizio civile universale

scu-logoIl Comune di Boscotrecase si iscriverà a breve all’Albo della regione Campania degli Enti di servizio civile universale, offrendo la possibilità ai giovani del territorio di acquisire conoscenze e competenze pratiche da spendere anche in ambito lavorativo. La legge prevede che vengano determinati i cosiddetti “crediti formativi” per coloro che prestano il Servizio civile universale, che possono essere poi riconosciuti nell’ambito dell’istruzione o della formazione professionale. Per i volontari è stabilito un rimborso mensile di 433,80 euro (a cui vanno aggiunti circa altri 450 euro di indennità extra per quanti sono impegnati in progetti all’estero). L’attività svolta non determina l’instaurazione di un rapporto di lavoro e non comporta la sospensione e la cancellazione dalle liste di collocamento o dalle liste di mobilità. L’anno di servizio è inoltre riconosciuto ai fini del trattamento previdenziale  riscattabile, in tutto o in parte, a domanda dell’assicurato, e senza oneri a carico del Fondo nazionale per il servizio civile e sono previste l’assistenza sanitaria gratuita e il riconoscimento di un punteggio nei concorsi pubblici. La modalità di iscrizione del Comune di Boscotrecase avverrà “in forma aggregata”, avendo come Ente Capofila Anci Campania diventerà Ente di accoglienza. La delibera è stata proposta dall’assessore ai servizi sociali Francesco Monteleone. In qualità di ente di accoglienza l’amministrazione Carotenuto potrà presentare programmi di intervento e progetti di servizio civile universale nei settori: dell’assistenza, della protezione civile, del patrimonio ambientale e riqualificazione urbana; senza dimenticare il patrimonio storico, artistico e culturale; l’Educazione e promozione culturale, paesaggistica, ambientale, del turismo sostenibile e sociale, dello sport; l’Agricoltura in zona di montagna, agricoltura sociale e biodiversità; la promozione della pace trai popoli, della nonviolenza e della difesa non armata; la promozione e tutela dei diritti umani; cooperazione allo sviluppo; promozione della cultura italiana all’estero e sostegno alle comunità italiane all’estero. I giovani che scelgono di partecipare alla realizzazione di progetti di Servizio civile universale hanno diritto ad avere una formazione generale ed una specifica. La formazione generale è basata sulla conoscenza dei principi che sono alla base del servizio civile universale. La formazione specifica è inerente alla peculiarità del progetto. La durata complessiva della formazione generale e specifica non può essere inferiore a 80 ore.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *