Boscotrecase, auto in sosta vandalizzate e svaligiate in via Pastrengo

auto2 Un raid vandalico in piena regola. Diverse auto parcheggiate in via Pastrengo (ex via Macello), ad un tiro di schioppo dalla vecchia stazione della Circumvesuviana, sono state vandalizzate e svaligiate nella notte tra martedì e mercoledì. Ignoti hanno forzato i paraurti e rotto i vetri delle vetture, impossessandosi delle batterie, dei tergicristalli e degli oggetti che si trovavano all’interno dei veicoli. Difficile descrivere lo stato d’animo dei proprietari quando sono andati a prelevare le rispettive macchine per recarsi a lavoro o semplicemente per andare a sbrigare qualche commissione. Tutti sono stati costretti a rivolgersi all’autofficina di fiducia o al soccorso stradale, non essendo in condizione di muoversi dal luogo in cui aveva precedentemente parcheggiato. La notizia ha fatto ben presto il giro del paese. E una delle vittime ha pensato bene di raccontare l’accaduto sui social, esprimendo tutta la propria amarezza per l’imprevisto (“mi vergogno di far parte di questo paese”), aggiungendo anche qualche epiteto abbastanza colorito nei confronti degli autori del gesto criminale. A quanto pare i facinorosi hanno preso di mira i veicoli parcheggiati in sosta nel viale che conduce ad un noto parco. L’episodio è stato, ovviamente, segnalato anche alle forze dell’ordine che provvederanno ad effettuare le indagini del caso per cercare di dare un nome ed un volto ai responsabili. L’ipotesi di una ragazzata appare abbastanza improbabile. È molto più verosimile che sia entrata in azione una banda di ladri specializzati, interessati a rivendere i pezzi trafugati a Boscotrecase al mercato parallelo dei ricambi automobilistici. C’è chi guarda con sospetto gli sbandati di altre nazionalità, ma, al momento, non ci sono elementi tali da giustificare un interesse in questa direzione. Sono ancora molti i punti da chiarire, partendo dalla presenza o meno di testimoni. Saranno, comunque, gli investigatori dell’Arma dei carabinieri a chiarire il mistero. (La foto è di repertorio)

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *