Boscotrecase: assunzioni al comune, la Cgil chiede un confronto sindacale

atrio-del-comune-di-boscotrecase Una richiesta urgente al sindaco Pietro Carotenuto per un incontro sindacale sul piano di fabbisogno di personale del Comune di Boscotrecase. A presentarla, nei giorni scorsi, è stato il responsabile territoriale della Funzione Pubblica della Cgil, Massimo Feliciello che è anche la colonna portante dell’Ufficio elettorale. La missiva del sindacalista sollecita un confronto su tale materia alla luce delle novità introdotte dal decreto legislativo numero 75 del 2017 che ha stabilito le nuove procedure e le modalità per la realizzazione dei piani di fabbisogno del personale. A ciò si sono aggiunte le linee di indirizzo ministeriali pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale del 27 luglio scorso.

Ciascuna amministrazione è obbligata a provvedere a programmare la propria consistenza della dotazione organica e la sua eventuale rimodulazione in base ai fabbisogni individuati secondo le linee di indirizzo ministeriali e nel rispetto del limite finanziario massimo di competenza. Feliciello, da esperto sindacalista, sottolinea che “per dare attuazione a tali prescrizioni, che prevedono una evidente complessità degli adempimenti da fare, si impone la necessità di dare sollecito avvio al lavoro preparatorio e di confronto sindacale”.

Il tutto “considerata anche la necessità di far fronte alle gravi carenze di personale che affliggono l’Ente” e per “dare risposte occupazionali e di salvaguardia della erogazione dei servizi alla collettività”. In pratica, tra pensionamenti naturali e “quota cento”, nel giro di un anno il Palazzo di via Rio dovrebbe progressivamente svuotarsi. Di qui la preoccupazione di Feliciello di muoversi per tempo, in modo da evitare ripercussioni sui servizi da garantire alla cittadinanza. Si tratta di un problema comune a molte municipalità della fascia pedemontana del Vesuvio, tanto è vero che l’ex frazione di Trecase si è mossa in largo anticipo riuscendo a bandire, prima della fine dell’attuale consiliatura, nel tre concorsi pubblici che prevedono l’assunzione a tempo indeterminato (anche se part-time) saranno espletati a breve. Il vecchio capoluogo non vorrebbe essere da meno, anche perché con il passare dei mesi aumenta il numero dei “colletti bianchi” che raggiunge l’agognato traguardo della collocazione in quiescenza.

Da questo punto di vista l’amministrazione Carotenuto, che ha sempre mostrato attenzione nei confronti delle esigenze del personale (è in corso una delicata trattativa sui rientri settimanali), si gioca una partita molto importante anche per il futuro. Non ci resta che attendere…

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *