Boscotrecase, al via il servizio mensa per i bambini della scuola dell’infanzia

scuola-elementare-di-boscotrecaseÈ attivo, già da qualche giorno, il servizio di mensa scolastica per gli alunni della scuola dell’infanzia di Boscotrecase. Una nota a firma congiunta dell’assessore alla pubblica istruzione Marialuisa Russomanno, del responsabile del settore finanziario, Salvatore Izzo e del sindaco Pietro Carotenuto informa le famiglie circa la titolarità del servizio e le modalità attraverso cui è possibile usufruire di tale opzione. Nelle more dell’espletamento della nuova gara si agirà in regime di prorogatio: il che significa che sarà la ditta Alimeca di Terzigno a provvedere alla fornitura di pasti per i bambini boscotrecasesi attraverso la propria organizzazione aziendale. Il prezzo a carico degli utenti, stando al documento ufficiale in questione, è di euro/ticket 2,60 pari ad € 26.00 per il blocchetto da 10 ticket. Gli interessati possono recarsi presso un qualsiasi ufficio postale della zona per effettuare il versamento della somma sul conto corrente numero 17325804, intestato a: Comune di Boscotrecase Servizio tesoreria. Sul bollettino va indicata la causale “mensa scolastica a. s. 2018/19”, onde consentire al personale della municipalità vesuviana di registrare subito la somma e trasmettere i nominativi del genitore che ha effettuato il versamento alla ditta per inserire il nome del bambino tra i beneficiari del servizio di refezione scolastica. Il modulo per l’iscrizione al servizio di mensa è in distribuzione tutti i giorni lavorativi dalle ore 9,00 alle 12,00 , mentre i relativi blocchetti, vanno ritirati il lunedì e martedì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 ed il giovedì dalle ore 9.00 dalle ore 12.00 e dalle ore 16.30 alle ore 18.30, presso l’Ufficio Pubblica Istruzione che si trova al primo piano del palazzo comunale. Nel frattempo vanno avanti a ritmo spedito i lavori per la realizzazione del nascente asilo nido comunale all’interno dell’ex plesso della scuola media “Cardinal Prisco”. Una decisione lungimirante dell’amministrazione Carotenuto che ha deciso di investire risorse pubbliche sull’infanzia. Lo ha fatto ben sapendo che la carenza di una struttura del genere costringe molte famiglie a varcare i confini del territorio comunale per rivolgersi altrove. Quando i lavori saranno terminati i cittadini saranno, finalmente, nella condizione di non dover necessariamente “emigrare” per trasferire i propri figli nelle municipalità vicine con un ulteriore aggravio di costi legati anche allo spostamento da una parte all’altra.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *