Boscoreale, è morto il maresciallo Renato Varriale

auto-carabinieri

varrialeÈ deceduto all’Ospedale Cardarelli di Napoli il maresciallo dei carabinieri Renato Varriale, già comandante della stazione di Boscoreale. Il sottufficiale, ammalato da tempo, aveva appena 53 anni. Lascia la moglie e due figli. I funerali si svolgeranno domani a Boscoreale, dove risiedeva, presso la Parrocchia dell’Immacolata Concezione alle ore 11,45.

La notizia è stata accolta con sgomento dalla popolazione e dai suoi ex colleghi. Molti sapevano del suo calvario ma restavano ammirati dalla forza con cui, nonostante tutto, andava avanti.

Il maresciallo Renato Varriale era molto conosciuto a Boscoreale e nei comuni vicini.

Chi scrive ha avuto l’onore ed il piacere di conoscerlo tanti anni fa e di avere una frequentazione pressoché quotidiana, dovendo “coprire”, giornalisticamente parlando, l’intera fascia pedemontana del Vesuvio.

Erano tempi difficili per chi era stato chiamato a rappresentare lo Stato in un territorio in balia di una criminalità comune e organizzata decisa a far valere il proprio peso su alcune parti del territorio, trasformate in vere e proprie “zone franche”.

Il maresciallo Varriale se ne rendeva perfettamente conto e, per questo, non aveva paura di gettarsi nella mischia in prima persona, esponendosi al rischio di ritorsioni e minacce. Questo atteggiamento, se da un lato gli procurava non pochi fastidi (oltre ai rimbrotti di qualche superiore), dall’altro ne metteva in luce un non comune carisma, specie con i più deboli.

In molte cittadine del Sud la caserma dei carabinieri non è solo un avamposto di legalità, ma una sorta di sfogatoio per anziani soli e abbandonati, disoccupati, disperati di ogni risma. Consapevole di tutto ciò, durante il suo comando, il maresciallo Varriale ascoltava tutti e, quando possibile, non esitava a tendere la mano a chi si trovava in difficoltà.

Aveva una passione sfegatata per il Napoli, di cui era tifosissimo, e giocava a calcio ogni volta che poteva con colleghi ed amici. In campo, come nella vita, era estremamente dinamico, quasi esuberante.

La malattia l’ha strappato troppo presto all’affetto dei suoi cari e di quanti, nel periodo della “prova”, non lo hanno mai lasciato solo.

Ai familiari le condoglianze di Pagine Vesuviane.

 

4 commenti

  • Era una grande persona con un grande cuore resterai sempre nell mio cuore tvb maresciallo varriale

  • Diego Minuzzi

    Mi ricordo di te, Renato. E continuerò a farlo. R.I.P.

  • Linda carotenuto

    Con grande stupore apprendo la notizia .partecipo al dolore che ha colpito la moglie e i figli che sono stati miei bravissimi alunni!!

  • Falcone Domenico

    Non esistono parole x un uomo come lui. Resterai sempre nel mio cuore amico mio Renato. TVB, è che dio ti accolga nelle sue braccia. R.I.P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *