Boscoreale, Fratelli d’Italia “bacchetta” Diplomatico

 

fabio-cirilloIl coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia, Così Fabio Cirillo,  ha attaccato il sindaco Antonio Diplomatico definendolo “Bello addormentato”. È un cahier de doleance fitto di appunti quello dell’esponente del partito di Giorgia Meloni.

La prima accusa è sulla nomina del comandante della polizia municipale, Vincenzo Aiello. Poi sul tema parcheggi: “A fronte di evidenti incapacità amministrative, (il sindaco) ci rincuora tutti annunciando la gestione a società esterne, perché garantirebbero quell’efficienza che il Comune non può dare.

Cirillo è poi passato al tema dei beni confiscati e della lotta alla criminalità organizzata: “Diplomatico – scrive – si appropria di meriti per iniziative prese da altri enti e autorità. Ed invero, gli atti del nostro Sindaco sono dovuti ed imposti dalla Procura della Repubblica e sottratti allo spazio di discrezionalità o di iniziativa dell’amministrazione locale. Quando fa riferimento a ciò che ad oggi l’amministrazione ha realizzato, si riferisce esclusivamente ad attività svolte da terzi, principalmente  dalla Procura della Repubblica, che ha agito per contrastare il fenomeno della criminalità organizzata che, soltanto di riflesso, pone la comunità boschese nella condizione di entrare nella disponibilità dei beni, oggetto di confisca”.

E rincara la dose subito dopo: “Ad onor del vero, per tacere di altro ancora, i cittadini di Boscoreale  lamentano la carenza di servizi primari per una cittadina con un minimo di sana vivibilità, si pensi ad esempio alla situazione in cui versano le scuole, le periferie e per ultimo ma non ultimo la viabilità a dir poco da far west sull’intero territorio comunale al punto tale che è da oltre un anno  che si denuncia l’assenza di una corretta segnaletica sia orizzontale sia verticale, per gli attraversamenti pedonali,  per le aree parcheggio non escluse quelle per i disabili e con massima attenzione necessaria e non più procrastinabile solo per esempio dell’abbattimento delle barriere architettoniche ed ancora le aree di carico e scarico merci così come richieste dai commercianti di via Armando Diaz”.

Infine il coordinatore di Fratelli d’Italia parla di “Ambiente Reale”, che Diplomatico si fregia di aver salvato dal fallimento. “Rimane un puzzle indecifrabile, peccato che qua si gioca con la salute dei cittadini. Ancora ad oggi, l’intera cittadinanza, come anche i dipendenti, sono preoccupati da quelle che saranno le sorti di Ambiente Reale e della pulizia di Boscoreale. Le strade continuano ad essere oltremodo sporche, rilevando poi alcuni punti nevralgici delle periferie dove continuano a sversare immondizia mentre gli amministratori girano lo sguardo altrove”.

Non ci resta che attendere la replica del sindaco alla “requisitoria”, tutt’altro che “diplomatica” del suo antagonista politico…

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *