“Dedichiamo questo riconoscimento ottenuto alla cara memoria di don Peppino Noto”. Così Flavio De Vivo e Felice Cirillo ai quali si deve l’allestimento del presepe all’interno della Chiesa